mercoledì 5 ottobre 2011

Parlano le volontarie... articolo di Sandra S.

Questo articolo è di Sandra S. volontaria del canile RIFUGIO DI CAVOUR... tutto per Voi

AMICI DEL RIFUGIO DI CAVOUR

Vi voglio raccontare una storia, è una cosa accaduta realmente anche se sembra una leggenda indiana….”Un uomo ritorna in Italia dall'ennesima missione di guerra. Dopo anni passati in mezzo a cadaveri, corpi dilaniati, odore di morte, crudeltà, impotenza di fronte a esseri umani che uccidono altri essere umani, questo uomo decide che, per attenuare i dolori e i ricordi si deve allontanare per un po' dalla “civiltà” e si rifugia in montagna, in una baita isolata….il giorno dopo davanti alla porta trova un ospite…un cane grande, scuro, vecchio, malato, che l’uomo chiamerà Black)….lo guarda con i suoi occhi profondi e puri e …. Scatta qualcosa. L’uomo cura, ama ed accudisce il cane anziano fino alla sua morte e lui lo ricompensa lasciandogli un’eredità….l’amore per i randagi, i deboli i maltrattati…l’uomo ha salvato il cane, il cane ha salvato l’anima dell’uomo…….


Così nasce l'associazione Amici del Rifugio di Cavour…prima una piccola realtà, anni di fatica e sacrifici … i Comuni aiutano solo in parte, tutto il resto sono impegni, ricerca di fondi, donazioni da privati, mercatini, calendari, feste di paese…
Ora il Rifugio ospita circa 160 cani, accuditi, puliti, curati, amati, riportati alla vita in attesa di trovare per loro una buona adozione, una famiglia che li ami per sempre.

Il Rifugio ospita cani del territorio, come ad esempio il nostro Dino



in canile da 6 anni perché il parroco, che era il suo padrone, era stato ricoverato in un ospizio ed allora via, al canile…ma domenica 25/9 il nostro Dino ha trovato la sua nuova famiglia ed è stato commovente accompagnarlo e vedere l’inizio di una nuova favola.

Negli anni però il Rifugio di Cavour è riuscito anche a dare aiuto a quelle associazioni e singole volontarie (che sono persone comuni come la sottoscritta) che, mettendo impegno e soldini, aiutano i cani più bisognosi, in particolar modo del Sud Italia. Si chiamano “I Viaggi della Speranza” e… funzionano, tanti cani sfortunatissimi che sono arrivati da situazioni drammatiche hanno trovato casa…oppure aiuta in circostanze eccezionali cani che rischiano davvero tanto come i piccoli Gary a Margot, trovati ad 1 mese di vita dentro un depuratore ad Isernia in cui vi erano anche delle vipere… sembravano dei topi,


pieni di rogna sarcoptica, infettiva e particolarmente dura da debellare, ma ora sono così




 e noi siamo orgogliosi quando li guardiamo, sappiamo che abbiamo fatto qualcosa di veramente grande per loro. Anche loro aspettano di trovare una casa!

Farci conoscere è importante per i nostri amici a quattro zampe! Se volete aiutarci, i modi sono tantissimi: dalle coperte e lenzuola dismesse, dalle donazioni, dal 5x1000 sulla dichiarazione dei redditi, dal passaparola, dall’acquisto dei nostri calendari per il 2012, che sono davvero tanto carini, tutto ci può aiutare. I calendari li spediamo in tutta Italia...prenotateli alla mail del Rifugio!





Se volete "conoscere" i cagnolini del Rifugio di Cavour andate sul sito. www.rifugiocavour@altervista.it

Un grazie a tutti/e voi che avete dedicato il vostro tempo a leggere la nostra storia ed un ringraziamento particolare alla nostra dolcissima amica Marina che ci ha permesso di scrivere questo articolo e di pubblicarlo sul suo blog. Non solo: la ringraziamo sentitamente per l’aiuto che ci sta dando, inventando e realizzando per il Rifugio di Cavour dei gadget veramente belli, fatti da lei, che presto vedrete sul nostro sito.


Ogni tanto Black dal Ponte dell’Arcobaleno, mentre gioca e corre con i suoi amici, si ferma, si siede, guarda in basso e sorride. Guarda il suo amico umano con i suoi occhi profondi e gli dice “grazie per me e per loro…per sempre”.

Grazie.

Sandra S.

4 commenti:

  1. Che tenerezza!
    Storie che si vorrebbero ascoltare ogni giorno!
    Bacioni
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  2. Bellissimo e molto tenero questo post. Complimenti ai volontari che si occupano di questi dolcissimi animali...
    Bruna

    RispondiElimina
  3. Quando avrò un po' di soldi vorrei tanto aiutarli!

    RispondiElimina
  4. In my opinion, Belstaff Jackets Abercrombie Fitch clothing can't be lack of in our wardrobe.Belstaff Jackets Clothing fashion is changing everyday. People like fashion especially women. Abercrombie Fitch clothing is one of these famous brands on the market.Ugg boots 5815 Designed by famous designer and founded by famous artist, this clothing brand attracts all young girls and boys even Rosetta Stone lots of middle-aged women and men.

    RispondiElimina